Centro Studi Europeo Pasca | Cyberbullismo ed uso consapevole della rete
377
post-template-default,single,single-post,postid-377,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Cyberbullismo ed uso consapevole della rete

Cyberbullismo ed uso consapevole della rete

ISTITUTO COMPRENSIVO GRIMALDI – LOMBARDI BARI

Il Centro Studi Europeo Pasca Vi dà appuntamento venerdì 6 maggio 2016 con il Convegno dal Titolo “Cyberbullsimo ed uso consapevole della Rete” presso l’Istituto Comprensivo Grimaldi-Lombardi di Bari.

Interverranno:

La Dirigente Scolastica Giuseppina Pastore

L’attore Dario Diana

La Psicologa Valeria Amata Giannella

Il Criminologo Giuseppe Galante

Modera il Vice Presidente “Pasca” Gaspare Marco del Rosso

DOTT. G. MARCO DEL ROSSO, DOTT.SSA VALERIA A. GIANNELLA, DOTT. GIUSEPPE GALANTE SALA MEETING HOTEL REGIA – VIA REGINALDO GIUSEPPE MARIA ADDAZI, 2 – TRANI

Relazione sull`evento:

I relatori  dell’evento. Il dr. Marco Del Rosso ha parlato del rischio del lavoro come valore sulla cultura giovanile, un plusvalore da inseguire come forma di successo e una fiducia nel domani. Poi ha parlato delle diverse forme di sballo giovanili come il BALCONING,  cioè lanciarsi nelle piscine dai tetti dei palazzi, del KARTSURFING, il fare surfy  sui tetti delle auto in corsa. Oppure del BINGE DRINKING, l’assumere quanto più alcool in minor tempo possibile, dell’EYE BALLING, cioè il versare a se od ad altri della vodka direttamente negli occhi per procurarsi velocemente una vertigine. Del FLAMBE’, il versarsi in alcune parti del corpo  del liquido infiammabile e darsi fuoco per sfida, oppure dello CHONCGHING GAME, il voler procurare a se o ad altri uno stato di incoscienza. La dr.ssa Valeria Giannella, psicologa, ha parlato dei gruppi reali e virtuali, spiegando la differenza che esiste tra le due forme e che chi entra a farne parte, rimane coinvolto nelle azioni degli stessi perché non comportarsi come loro, provoca la paura di essere emarginati o addirittura allontanati. Il Cav. Angelo Iacovazzi, ha parlato dell’UNIMRI come associazione che si prefigge lo scopo di accomunare gli insigniti di una delle onorificenze denominate “Al Merito della Repubblica Italiana” favorendo lo sviluppo delle qualità che hanno permesso loro di evidenziare le proprie doti umane e di carattere, permettendogli la concessione dell’onorificenza. L’UNIMRI che si fregia del  motto “ACTA NON VERBA”, amplia lo sviluppo culturale e sociale, permette l’organizzazione di  convegni e corsi propedeutici, itinerari socio-culturali e attività di beneficenza. Individua gruppi di persone in difficoltà o in condizioni di disagio, meritevoli di aiuto economico e/o psicologico dando loro il proprio supporto morale e materiale.  Ha parlato anche del Club dei Lions del quale ne fa parte sia lui che il dr. Savino Giannella e di quanto anche loro riescono a prodigarsi per il sociale. Il dr. Giuseppe Galante, Funzionario della Polizia di Stato, ha parlato di cyberbullismo come  una manifestata sicurezza emancipata che avviene attraverso l’utilizzo di internet  che sprigiona un momento di felicità. Ha spiegato che il primo luogo dove si manifesta il bullismo è proprio la scuola e che i social forum non fanno altro che alimentare la solitudine dei giovani i quali si distaccano sempre più dal mondo reale e che sono  sempre meno sotto il controllo dei genitori. Da parte dei genitori stessi ci dovrebbe essere più ferrea presenza aumentando i dialoghi in famiglia ed avere di più la possibilità di controllare i social forum utilizzati dai figli. Ha parlato anche del GAP (Gioco d’Azzardo Patologico) che coinvolge tutti e che spesso diventa una patologia dovuta alla mancanza di socializzazione, di persone che cercano nel gioco una vincita per la svolta della loro vita, di persone che diventano schiave del gioco e che molte volte, cadono nelle mani  degli strozzini con la perdita di ogni proprio bene. Il mondo del gioco d’azzardo è anche terreno fertile per la  criminalità che  investe e ricicla il proprio denaro sporco. Gioco d’azzardo è anche mettere in gioco la propria vita e quella degli altri, come l’uso e abuso di alcool e droga, la guida pericolosa, le gare con auto e moto, i giochi estremi. Ogni comportamento che mette a rischio la vita umana, è sempre un gioco d’azzardo.