Centro Studi Europeo Pasca | Gli antichi Romani hanno scoperto l’America 1800 anni fa
311
post-template-default,single,single-post,postid-311,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Gli antichi Romani hanno scoperto l’America 1800 anni fa

Gli antichi Romani hanno scoperto l’America 1800 anni fa

Una spada, evidentemente risalente all’antica Roma, è stata rivenuta sulla costa orientale del Canada; è solo uno dei tanti indizi che indicano la presenza degli antichi Romani in America nel II secolo dopo Cristo: ottocento anni prima di quello che è considerato il primo contatto tra Vecchio e Nuovo Mondo a opera dei Vichinghi, prima della ri-scoperta di Cristoforo Colombo nel 1492.

La spada è stata rinvenuta sulla costa dell’isola di Oak, in Nuova Scozia, durante delle indagini del programma La maledizione dell’isola di Oak di History Channel per un tesoro che sarebbe lì sepolto.23

Hutton Pulitzer ha lavorato come consulente in questo programma televisivo per due stagioni ed è apparso durante la seconda. La sua squadra aveva cominciato a indagare sull’isola già otto anni prima che History Channel, nel 2013, cominciasse a occuparsene. Pulitzer ha fornito informazioni esclusive a Epoch Times sulle nuove scoperte relative all’isola, le quali, assieme alla spada, sostengono la teoria di una presenza romana in America.

Pulitzer è un noto imprenditore e inventore. Ha presentato lo spettacolo televisivo NetTalkLive, è stato uno dei primi grandi investitori di internet e l’inventore di CueCat (un qualcosa di simile ai QR-code odierni, che a suo tempo ha attratto grandi investitori). La sua società è fallita in rovina dopo lo scoppio della bolla speculativa delle dot-com, ma i brevetti di Pulitzer sopravvivono ancora oggi in quasi 12 miliardi di dispositivi mobili.

Poco più di un decennio fa, Pulitzer ha iniziato a dedicarsi alla sua passione per la storia antica, e ha lavorato con esperti in vari campi, come autore e ricercatore indipendente, per indagare sui misteri dell’Isola di Oak.

La sua teoria su un’antica presenza romana nell’isola ha già incontrato dello scetticismo, dato che si oppone alla teoria comunemente accettata secondo cui i Vichinghi siano stati i primi esploratori a raggiungere il Nuovo Mondo. Pulitzer chiede però che storici e archeologi affrontino le prove obiettivamente, senza l’idea preconcetta che i romani non avessero raggiunto il Nuovo Mondo.

L’autenticità della spada dell’isola di Oak è stata verificata dai migliori test disponibili, secondo quanto dice Pulitzer. Epoch Times ha avuto accesso ai dati dei test.

La spada da sola non basta però a provare che i romani siano stati sull’isola. È possibile che qualcuno, qualche centinaio di anni fa, sia stato lì e fosse in possesso di quella spada antica. Forse sono stati esploratori successivi, e non i Romani, a lasciarla lì. Ma altri oggetti trovati sull’isola forniscono un quadro difficile da negare, secondo Pulitzer.

Ci sono ad esempio una pietra con scritte in un antico linguaggio, legate all’Impero Romano, tumuli in antico stile romano, proiettili di balestra che provengono dall’antica Iberia (l’odierna Spagna), monete legate all’Impero e altro.