Centro Studi Europeo Pasca | La Simbologia nelle Rappresentazioni del Bestiario
333
post-template-default,single,single-post,postid-333,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

La Simbologia nelle Rappresentazioni del Bestiario

La Simbologia nelle Rappresentazioni del Bestiario

Spesso gli animali sono classificati a seconda dei 4 elementi di provenienza. La simbologia animale e’ di per sé molto vasta . Già a seconda della posizione che occupano possono avere un particolare significato, se, per esempio, si trovano sulla base di una colonna, essi rappresenterebbero la necessita dell’uomo di elevarsi dall’animalità’ verso il divino.

Abbiamo così il Pavone, simbolo di immortalità; l’aquila; l’ariete, che indica l’ardore del creatore; la lepre, che rappresenta la lussuria; il maiale, e’ il simbolo dell’impurità’; la colomba e’ associata all’anima; l’agnello rappresenta il Cristo…

Un significato particolare hanno il leone, l’aquila, il bue e l’angelo , infatti essi rappresenterebbero anche i 4 evangelisti Marco, Giovanni, Luca e Matteo.
Spesso troviamo, come in Egitto all’ingresso di numerose tombe , i leoni , collocati davanti alla porta del tempio per scacciare gli impuri.
Citiamo , inoltre , figure del bestiario medievale come le sirena, che a differenza di cio’ che simboleggiava nella cristianità , e cioè le tentazioni a cui e’ soggetto l’uomo , rappresenta la conoscenza nascosta, il soave canto della conoscenza che fa perire gli uomini stolti ; e l’uomo con le orecchie d’asino , re MIDA che sta a rappresentare una”verità” che non può essere svelata.