Centro Studi Europeo Pasca | Alchimia
353
post-template-default,single,single-post,postid-353,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Alchimia

Alchimia

Platone, nel Simposio, traccia una memorabile immagine di Socrate e fa dire ad Alcibiade che Socrate è come uno di quelle statue chiamate Seleni, raffigurate con in braccio la lira o lo zufolo ed esposte nelle botteghe degli scultori, che se li apri vi troverai dentro la statuetta di un Dio.

Michelangelo sui monti di Carrara guardando un blocco di marmo vi vedeva dentro la statua che avrebbe scolpito. Sarebbe stato sufficiente eliminare, con gli strumenti dello scultore, le soprastrutture.

La vera differenza con l’alchimia è che i Seleni, Michelangelo, fanno intendere all’uomo il punto di partenza ed il punto di arrivo. L’alchimia fornisce la via attraverso la quale, dal punto di partenza, si arriva alla meta. Se conosci solo il punto di partenza ed il punto di arrivo almeno all’inizio brancoli nel buio, a meno che tu non sia nato Aristotele o Michelangelo; un sapiente o un artista. In questi casi è la tua natura che ti porta ad intuire la strada. Ti è facile squarciare il velo della Papessa ed arrivare alla Regina (sono due degli arcani maggiori dei tarocchi).